martedì 9 agosto 2011

QUANDO UNA FIGLIA TI AMA.


Ieri ed oggi vivo un poco mia figlia. La vivo, cerco di assaggiare ogni momento di lei, visto il poco tempo assieme. Sbrigando delle faccende di casa ieri non avevo notato che tramasse qualcosa. No, perche' poi siamo usciti, un salto dalla nonna in ospedale, e poi via al circo qui vicino per visita ad alcuni vecchi amici di papa'. La sera poi, Alice in wonderland 3D e fine della giornata.
Stamattina la sveglia, tardi perche' il film e' finito oltre l'una, e dopo la doccia si e' rimessa a trafficare con tempere e colori. Me lo ha presentato oggi a tavola, un disegno a me dedicato. Non molto elaborato come di sua consuetudine, ma con contenuti veramente belli. Si tratta di un fiore multicolore, con una scritta sovrastante che recita: "Tu sei il mio fiore e io la tua ape"
Ma mi ha fatto ridere la spiegazione alla domanda che le ho fatto sulla frase, come le fosse venuta. Mi ha spiegato che ha preso di esempio Luciana Litizzetto che in uno sketch dice a un bell'uomo " fai la mosca e io saro' la tua merda", da cui la frase che stampo. 
Il tono non e' uguale, la battuta nemmeno. In quella frase e' racchiuso tutto il mio orgoglio di una figlia cosi', una figlia che vivo ogni istante che posso, una figlia che mi da l'amore figliale dimostrato palesemente nonostante non sia nelle sue corde essere espansiva con tutti.
Figlia mia, papa' ti ama come la cosa piu' cara che ha, la sua stessa vita!