venerdì 2 settembre 2011

SOLE!

Eccolo,
puntuale,
come ogni alba
dal tempo dei tempi.
Timidamente fa capolino
tra valli, gole e monti
con i primi raggi che si stagliano
come frecce dorate che trafiggono il cielo.
E si alza, spesso rosso, altre volte giallo
ma sempre brillantissimo portando luce,
portando lentamente ombre
che man mano si accorciano
nel suo lento ed inarrestabile tragitto,
attraversando la parabola celeste.
Ed inizia a scaldare,
calore per tutto e per tutti,
a volte velato da una tenue foschia,
altre nascosto e timido dietro pesanti nuvoloni.
Sole, che scaldi e rischiari,
astro attorno al quale ruota il nostro mondo
e da cui attingono a fonte di vita
tutte le creature terrestri, marine, aeree,
segni il tempo con le tue ombre,
gioia di alcuni, cruccio di altri.
Sole che piano scende all'orizzonte,
spegnendosi come una fiammella di candela
tra valli e monti in un romantico tramonto,
da salutare dandoti la buonanotte
e aspettarti domani
per un nuovo risveglio.